L’area all’aperto

Un luogo tutto da scoprire

Attraverso il curatissimo giardino barocco le visitatrici e i visitatori raggiungono l’area all’aperto. Oltre 20 edifici – antichi masi contadini, fabbricati rurali annessi e officine artigianali costruiti fra il XV e il XIX secolo e provenienti da diverse valli dell’Alto Adige, mostrano come vivevano, lavoravano e trascorrevano la giornata le famiglie contadine, gli artigiani, i piccoli coloni e i braccianti.

Nei prati fra gli edifici scorrazzano animali domestici e da cortile. Il campo coltivato, i giardini profumati, i balconi fioriti, gli antichi alberi da frutto completano il quadro della vita e dell’economia contadina di un tempo. Dal parco museale la vista spazia su tutta Brunico, con le sue chiese e il castello, e Plan de Corones.

hmg_3244_pa.jpg

La residenza Mair am Hof

Il cuore del Museo

Il cuore del Museo è costituito dalla residenza barocca Mair am Hof, edificata dalla famiglia von Sternbach fra il 1690 e il 1700. Interessante testimonianza degli stili di vita e abitativi della nobiltà di campagna, questo imponente edificio custodisce ricche collezioni etnografiche di manufatti di arte popolare e oggetti devozionali. Oltre alla cappella, conservatasi nel suo stato originale e impreziosita da un’esposizione permanente di oggetti della devozione popolare, le visitatrici e i visitatori possono ammirare la Stube della servitù, le collezioni di cinturoni, costumi e cetre e le esposizioni sulla cucina tirolese e sul vasellame di ceramica della Val Pusteria. La cantina contiene inoltre interessanti utensili, che erano impiegati per la conservazione delle derrate alimentari nei grandi masi contadini.

2016_hmg_0227_pa.jpg

Fabbricato rustico

Attrezzi agricoli di altri tempi

Nel fabbricato rustico del Mair am Hof, un edificio a tre piani, le visitatrici e i visitatori possono vedere una grande quantità di attrezzi anticamente in uso in agricoltura, allevamento, praticoltura e nell’artigianato. Aratro, falce e mulinello da grano raccontano di epoche in cui trattori e trebbiatrici non esistevano ancora. Numerosi veicoli, dalle slitte ai carri, alle carrozze, consentono di farsi un’idea dei mezzi di trasporto di un tempo. Le botteghe del calzolaio, del conciapelli, del carpentiere e del fabbricante di rastrelli testimoniano di una grande abilità manuale, mentre i pesanti campanacci delle mucche ricordano il rientro dagli alpeggi.

foto_hmg_0489_p.jpg
svm-25.07.19-gerdeder-54.jpg

Anteprima del programma 2020

Per prevenire e contrastare la diffusione del nuovo Coronavirus sono stati cancellati tutti gli eventi previsti nell’anno corrente.
Il programma di mediazione è limitato, fino a data da destinarsi, a brevi visite guidate all'aperto per piccoli gruppi (max 10 persone), nel rispetto delle misure di sicurezza e protezione prescritte (p. es. protezione delle vie respiratorie). È necessaria la prenotazione.

Grazie della comprensione.

Continua a leggere